Accordi segreti offshore privano l’Africa di miliardi di dollari di risorse naturali – seconda parte

160725-resources-04

Leggi la prima parte dell’inchiesta dell’International Consortium of Investigative Journalism

Garantire l’anonimato

Nel 2005, l’Algeria ha annunciato che le sue enormi riserve di gas erano a disposizione delle imprese. La posta in gioco era la possibilità di contribuire a costruire il primo collegamento diretto dalle riserve di gas in gran parte non sfruttate nel cuore del deserto algerino al mercato affamato di energia in Europa. È stata una mossa importante per l’Algeria, un paese con un’economia instabile che si basa molto sulle entrate di petrolio e gas.

Dirigenti di importanti aziende provenienti da Cina, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Giappone sono volati ad Algeri a presentare offerte.

Saipem è emerso come uno dei grandi vincitori. Tra il 2006 e il 2009, la società italiana – che si autodefinisce come «uno dei leader mondiali» della trivellazione e degli oleodotti – ha vinto sette contratti per stendere centinaia di chilometri di condotte e canali e per la costruzione di impianti di trattamento in grado di trasformare 100.000 barili di petrolio al giorno.

Il turbinio di attività in Algeria è stata compensata dalla espansione della rete offshore di Bedjaoui.

Bedjaoui, che è francese, canadese e algerino, ha conseguito la laurea in gestione aziendale a Montreal, ha lavorato nell’azienda di importazione di caffè della sua famiglia prima di atterrare in una società di investimento di petrolio e di gas con sede a Dubai con una preziosa lista di clienti del Nord Africa.

Nel 2002, Bedjaoui aveva usato Mossack Fonseca per aprire un conto bancario svizzero per la sua azienda Rayan Asset Management. Un avvocato fiscale svizzero ha poi fatto acquisti compulsivi per conto dell’algerino, ordinando “shelf company” a Panama e alle Isole Vergini Britanniche.

I controlli di Mossack Fonseca sui precedenti di Bedjaoui nel 2008 e nel 2009 non ha rivelato nulla di sospetto, mostrano i file interni dello studio legale. Bedjaoui non ha reso facili le cose; ha usato il suo passaporto canadese di aprire alcuni conti bancari e la sua carta di identità algerina per aprire gli altri.

Per 11 anni, Mossack Fonseca ha lavorato per Bedjaoui e una mezza dozzina di suoi familiari, amici e colleghi. In questo mondo Bedjaoui ha portato sua moglie e il cognato, parenti di ministri dell’energia e dell’acqua di Algeria, l’amministratore delegato della compagnia petrolifera e del gas controllati dal governo algerino e il manager algerino di Saipem. I procuratori italiani sostengono che la fitta rete di parentela li ha portati a sospettare che molte delle aziende create attraverso Mossack Fonseca sono stati utilizzati «per i pagamenti corrotti o improprio arricchimento personale».

Si trattava, secondo gli investigatori, di una rete di concussione e fondi neri organizzata nelle hall degli alberghi e bar a Parigi e Milano e sugli yacht nel Mediterraneo. Al di fuori del Bulgari Hotel, i partecipanti si scambiarono i numeri di cellulari segreti per tenersi in contatto; non era per lo «scambio di auguri di Natale», come detto ironicamente da un giudice italiano.

I pubblici ministeri sostengono che nella creazione delle sue società off-shore Bedjaoui ha scelto paesi con regole di segretezza «che garantiscono l’anonimato degli azionisti» e oscurato ulteriormente la traccia cartacea spargendo soldi in 16 conti bancari a Dubai, in Algeria, a Singapore, Londra, Hong Kong, in Svizzera e Libano.

Secondo i pubblici ministeri, una società legata alla Bedjaoui, la Collingdale Consultants Inc., è stata utilizzata per deviare almeno 15 milioni di dollari a soci e familiari di Chekib Khelil, ministro dell’energia algerino dal 1999 al 2010. Un testimone nel caso italiano ricordò di aver sentito per caso Khelil descrivere Bedjaoui «come un figlio».

Nel 2013, Khelil, che si è laureato alla Ohio State e ha vissuto per molti anni in Maryland, è stato per breve tempo collocato dall’Interpol di lista dei ricercati. Khelil è tornato in Algeria dopo che le autorità hanno ritirato le accuse di corruzione che avevano mosso contro di lui.

Raggiunto telefonicamente da ICIJ, Khelil ha detto di non avere il tempo di parlare e ha riattaccato.

I sospetti ufficiali circa il ruolo di Bedjaoui negli accordi energetici algerini sono diventati pubblici per la prima volta nel febbraio 2013. Mesi dopo, la polizia canadese ha sequestrato beni de Bedjaoui a Montreal e le autorità francesi hanno fatto irruzione nell’appartamento di Bedjaoui su un viale alberato a Parigi. La polizia francese in seguito ha riferito di aver sequestrato uno yacht di 43 metri e dipinti di Warhol, Miró e Dalí.

Le indagini sulle attività e sui beni di Bedjaoui hanno fatto notizia in Algeria, Canada e Italia. Ma Mossack Fonseca è rimasto all’oscuro delle questioni legali del proprio cliente per gran parte del 2013.

Heather Lowe, un avvocato che lavora con Global Financial Integrity, un gruppo anti-corruzione con sede a Washington, ha detto che gli intermediari offshore hanno incentivi economici a «non sapere gli scopi delle aziende che stanno creando. Se sanno troppo, potrebbero doversi allontanare dagli affari. … Di conseguenza, non c’è spesso nessun controllore che evita che denaro illecito entri nel sistema finanziario».

«Cluster ad alto rischio obbligatorio»

Gli standard internazionali e le leggi di molti paesi in genere richiedono che gli intermediari finanziari come Mossack Fonseca vaglino i loro clienti per assicurarsi che non siano coinvolti in illeciti. Essi sono inoltre tenuti a prendere misure supplementari per controllare clienti che sono «persone politicamente esposte» – funzionari governativi o loro familiari o soci.

Nelle sue procedure scritte, Mossack Fonseca riconosce che le transazioni che coinvolgono le industrie legate al petrolio, gas e miniere portano alti rischi per il riciclaggio di denaro e altri reati.

Lo studio legale classifica l’industria mineraria come un «cluster ad alto rischio obbligatorio» e richiede ai lavoratori di fare ricerche di fondo in più su chi si occupa di scavo, perforazione, commercio ed esportazione di risorse naturali.

Ma documenti che fanno parte dei Panama Papers mostrano come i dipendenti di Mossack Fonseca spesso non riescano a effettuare controlli adeguati sui clienti coinvolti nelle industrie estrattive e in alcuni casi offrono servizi che rendono difficile per le autorità governative identificare chi si nasconde dietro le società offshore e gli accordi per le risorse naturali.

Nel 2014, Mossack Fonseca ha offerto di fornire un prestanome per proteggere il vero proprietario di una miniera di fosfati, che ha detto di voler «fermare la catena» di «inchiesta supplementare» sulla proprietà della società da parte delle autorità tanzaniane. Nel 2013, un impiegato Mossack Fonseca chiese ai colleghi una «risposta rapida» per aiutare Elísio
Figueiredo, un ex ambasciatore dell’Angola presso le Nazioni Unite, a depositare in banca 26 milioni di dollari provenienti dalla vendita delle sue azioni in una società mineraria. La nazionalità di Figuerido e l’alto profilo potrebbe essere problematici, ha notato un collega, ma Mossack Fonseca conservato la possibilità di inviare un impiegato presso una banca di Hong Kong e aprire un conto al suo posto. Non è chiaro dai registri se tale piano è stato eseguito.

Non è stato possibile raggiungere Figueiredo per un commento.

Nel giugno 2011, un dipendente di Mossack Fonseca ha scritto ai suoi superiori per segnalare un problema. Agendo sotto la pressione di uno studio legale inglese, osservava il dipendente, Mossack Fonseca aveva fatto «un’eccezione» per le sue pratiche anti-riciclaggio di denaro.

Nel 2010, ha spiegato il dipendente, Mossack Fonseca ha creato due società e ha offerto i propri dipendenti come prestanome senza prima conoscere l’identità del vero proprietario. «Entro un mese», ha scritto il dipendente, l’azienda ha scoperto che il proprietario dell’impresa era «un signor Dan Gertler che è un commerciante di diamanti israeliano sotto inchiesta per corruzione in Congo e coinvolto nel ‘commercio dei diamanti di sangue’. Il suo nome è ovunque su Internet».

Alcune delle aziende che Mossack Fonseca aveva creato per Gertler erano sotto inchiesta nelle Isole Vergini britanniche, ha aggiunto il dipendente.

Nonostante questi problemi, Mossack Fonseca non si dimise immediatamente da agente per Isole Vergini Britanniche per le aziende di Gertler, ha scritto il dipendente, ma lo ha mantenuto come un cliente «auspicando di ottenere il maggior due diligence possibile al fine di apparire come se noi avessimo fatto qualcosa in questa zona e poi dimetterci in seguito».

Preoccupati che le autorità panamensi avrebbero presto avviato indagini, Mossack Fonseca ha concluso il suo rapporto con le aziende di Gertler.

Un rappresentante di Gertler ha detto a ICIJ di non essere a conoscenza di alcuna indagine da parte delle autorità panamensi o delle Isole Vergini Britanniche nelle sue aziende nella RDC. «Le società offshore non sono mai stati utilizzati per nascondere» informazioni sulla proprietà, ha dichiarato il rappresentante.

Il rappresentante ha rifiutato di commentare «su quelle che sembrerebbero essere accuse infondate e diffamatorie fatte da un dipendente di una società con la quale alla fine non abbiamo lavorato, in una e-mail privata». Le aziende di Gertler hanno investito circa 100 milioni di dollari nella RDC, ha detto il rappresentante.

In una risposta scritta a ICIJ, Mossack Fonseca ha detto di seguire «sia la lettera che lo spirito della legge. Poiché lo facciamo, non siamo mai stati accusati di illeciti penali in 40 anni di attività. Siamo orgogliosi del lavoro che facciamo, nonostante recenti e intenzionali tentativi da parte di alcuni di descriverlo erroneamente».

«Modus operandi»

Il metodi di due diligence di Mossack Fonseca sembrano essere venuti meno nel caso del Bedjaoui, il faccendiere al centro della vicenda di corruzione algerina.

Le e-mail interne dello studio legale suggeriscono che la Mossack Fonseca non è venuta a conoscenza del coinvolgimento di Bedjaoui nello scandalo Saipem-Sonatrach fino al settembre 2013. Per caso, una ricerca su internet relativa ad un altro cliente ha fatto scoprire che Bedjaoui era sotto inchiesta in relazione al caso. Uno dei dipendenti dello studio ha riferito che Bedjaoui era «sospettato di essere uno dei principali protagonisti di questo scandalo».

La Mossack Fonseca ha detto a funzionari delle Isole Vergini Britanniche che non poteva fornire le informazioni di contatto per i propri dipendenti che avevano agito da prestanomi per alcune delle aziende sospettate di essere coinvolte nel sistema di presunta corruzione. Rosemarie Flax, amministratore delegato di Mossack Fonseca nelle Isole Vergini Britanniche, ha riconosciuto in una e-mail interna che non avere «queste informazioni di base sui dipendenti è assolutamente imbarazzante» e ha messo lo studio legale a rischio di una multa.

La Mossack Fonseca ha denunciato Bedjaoui e la sua rete alle autorità delle Isole Vergini Britanniche nel 2013, ma ha continuato a lavorare per un’altra una delle sue società, la Rayan Asset Management, almeno fino al novembre 2015.

Le autorità statunitensi starebbero esaminando tre abitazioni di New York del valore di oltre 50 milioni di dollari acquistate da Bedjaoui, tra cui un condominio a Central Park-Fifth Avenue acquistato per 28,5 milioni di dollari. Il Dipartimento americano di giustizia ha fornito agli investigatori italiani registri che mostrano che una società del Delaware legata alla caccia globale di asset ha trasferito 26 milioni di dollari dalla Bank of New York Mellon a JP Morgan Chase per aiutare a completare l’acquisto del condominio.

«L’investimento dei proventi della corruzione nel settore immobiliare negli Stati Uniti è un tipico modus operandi del gruppo criminale collegato a Bedjaoui», hanno detto i pubblici ministeri di Milano in una lettera alle autorità statunitensi nel marzo 2015. I procuratori hanno cercato l’aiuto statunitense per ottenere documenti relativi alla proprietà e informazioni sulla provenienza dei fondi utilizzati per acquistare immobili a Rockville e Potomac, nel Maryland, che i pubblici ministeri sospettano siano stati acquistati con i soldi della corruzione.

Nel mese di febbraio, un tribunale in Algeria ha multato e incarcerato 19 persone e aziende nella prima fase dei procedimenti legati allo scandalo Saipem-Sonatrach. Dall’altra parte del Mar Mediterraneo, un tribunale italiano ha emesso una pena detentiva di un ex dirigente di Saipem, Tullio Orsi, che ha accettato un patteggiamento per evitare il processo.

Orsi ha detto ai pubblici ministeri di aver avuto almeno tre incontri all’Hotel Bulgari di Milano, di cui uno con Bedjaoui.

In un’altra occasione, mentre si rilassava su una barca ormeggiata al largo della costa spagnola, ha testimoniato Orsi, Bedjaoui gli ha offerto 10 milioni di dollari.

Bedjaoui, dice Orsi, gli ha detto che «ci sono stati altri come me che egli ha aiutato finanziariamente e aveva piacere di farlo».


Scritto da Will Fitzgibbon. Originariamente pubblicato in inglese da International Consortium of Investigative Journalism. Tradotto da Claudia Vago.

Foto: James Jones Jr / Shutterstock.com

Fa parte della raccolta

Paradisi fiscali