La società civile denuncia all’OCSE le violazioni climatiche di ING

La società civile denuncia all'OCSE le violazioni climatiche di ING

Oxfam Novib, Greenpeace, BankTrack e Friends of the Earth Olanda hanno presentato un reclamo contro ING, la più grande banca olandese, per la violazione delle linee guida dell’OCSE in materia di ambiente e cambiamenti climatici. La banca continua a prestare miliardi alle aziende che si occupano di fonti fossili, senza alcun piano per la riduzione delle emissioni di gas serra che derivano dai finanziamenti. Le quattro organizzazioni hanno chiesto al presidente di ING Ralph Hamers di assumere impegni concreti per ridurre l’impatto climatico dei suoi finanziamenti all’incontro annuale degli azionisti di ING che si è svolto la scorsa settimana.

 

ING investe otto volte più in aziende del settore fossile rispetto a quanto investe in società che si occupano di energia rinnovabile. La banca non indica in che modo intende migliorare questa situazione a supporto degli obiettivi ONU per il clima.

Da anni ING parla di impegni per contrastare i cambiamenti climatici, ma continua a finanziare società che costruiscono nuove centrali a carbone. La politica adottata sul carbone alla vigilia del vertice di Parigi sul clima è stato sicuramente un passo avanti, ma sfortunatamente i finanziamenti forniti da ING continuano a contrastare con quelle policy. Ora che gli accordi di Parigi sono in vigore occorre molta più determinazione per bloccare tutte le strade che l’industria del carbone riesce a trovare per finanziare le proprie attività, in contrasto con gli obiettivi fissati a Parigi.

Fonte: BankTrack

Foto: Charles Roffey, via Flickr , licence under Creative Commons CC BY-NC-SA 2.0

Fa parte della raccolta

Clima e finanza